Immortalare.

Sono, un po’ da sempre, appassionata di fotografia.

Intendiamoci: faccio parte di quella categoria di appassionati di fotografia che non cercano la perfezione assoluta in ogni scatto, che non scatta alla migliore qualità possibile, e non stanno ore, per giorni, appostati da qualche parte per avere lo scatto perfetto, non impiegano tempo a ritoccare per rendere tutto il più realistico e naturale possibile… no. Faccio parte di quella categoria che ama le foto anche se fatte da un normale telefono, amo le foto che sanno trasmettere emozioni, amo le inquadrature particolari e originali, i ritocchi con colori particolari, i soggetti inusuali. E’ semplicemente una questione di mio gusto personale, infatti non posso dire di intendermene assolutamente, però mi piacciono… e mi piace tanto farle.

Mi piace avere un’idea nella mente, e cercare di metterla in pratica. Avere in mente colori, sfumature, composizioni e vederla poi realizzata attraverso una fotografia. Mi piace trasmettere qualcosa, o almeno provarci… qualsiasi cosa, qualsiasi sensazione, qualsiasi emozione, bella o brutta. Mi piace poi guardarle, e pensare a cosa trasmettono a me, pensare al mio stato d’animo mentre le facevo, e ricordare qualcosa che magari avevo dimenticato.

Amo i paesaggi, banalmente, e gli oggetti inanimati soprattutto presi nei propri dettagli, ma devo dire che ultimamente apprezzo sempre di più la fotografia alle persone, ma anche qui i dettagli più che altro, attimi che fuggono, o quando sono immersi in qualcosa, pensieri, musica…

Ho deciso di inaugurare questa rubrica con alcune delle mie foto preferite tra quelle fatte, anche perché tra 8 giorni il mio pianoforte compie 5 mesi! E oggi, questo spazio lo voglio dedicare a lui.

La foto coi girasoli l’avete già vista nel precedente post, le altre due sono le mani di Fidanzato mentre suona. E sono proprio queste due le foto che ho fatto che amo di più in assoluto.

Con queste ho provato a far qualcosa di più colorato, soprattutto con la prima e l’ultima… siccome mi capita spesso di suonare di notte, a volte anche molto tardi, spesso con accesa solo la lampada e qualche candela/lucine e sempre con una bella tazza di latte o caffè affianco, ho cercato di immortalare quella sensazione, bellissima, che è il suonare in notturna in assoluta pace. La prima foto è quella che poi ho usato come header del blog, volevo qualcosa che contenesse le due cose che amo di più e di cui parlerò spesso qui, e quindi… ho poggiato tutti i libri di Stephen King sul povero piano!

IMG_2268_Fotor

Infine, con quest’ultima foto, voglio ringraziare immensamente chiunque sia passato di qui per un saluto e soprattutto, per tutte le cose belle e gli incoraggiamenti che mi avete scritto nel precedente post. Non me l’aspettavo, e mi ha scaldato il cuore. Grazie! ❤

 

Annunci

14 risposte a "Immortalare."

  1. Sei fortunata a poter suonare di notte 🙂

    Tra le 7 foto qui inserite, la 3428 è, secondo me, la più valida; è molto espressiva, la mano sinistra si staglia ben netta sulla sfocatura leggera della destra e della tastiera.

    Piace a 1 persona

    1. Grazie, quella tra le due è anche la mia preferita! 🙂
      In realtà forse preferirei non poter suonare di notte, perché significherebbe aver un pianoforte vero, acustico! (E in quel caso mi butterebbero fuori di casa all’instante se suonassi alle 4 di notte, ahah!) Però è una comodità soprattutto quando si ha tutta la giornata impegnata, questo sì

      Mi piace

  2. Bellissime ❤
    Tutti quei libri sul piano sono adorabili poi ❤
    Sai, anche a me piace fare foto,ma le faccio molto più all'avventura xD
    Però è una bella esperienza fermare un attimo per sempre. Tra le invenzioni tecnologiche la macchina fotografica è tra le mie preferite 🙂

    Piace a 1 persona

    1. Grazie, sono contenta che ti piacciano! ❤
      L'ispirazione dei libri sul pianoforte mi è arrivata da una foto che avevo visto una volta su Instagram… praticamente c'era un pianoforte a muro, enorme e bellissimo, quelli in legno color cioccolato fondente (purtroppo non so i nomi dei colori dei legni ahahahah), sapeva di antico ed era stupendo, ed era pienissimo di libri sopra, proprio pile enormi! La foto mi era piaciuta così tanto che me la sono anche salvata, e ho provato a far un po' la stessa cosa per far la foto… solo che vabbè il mio è un po' il pianoforte dei poveri, se ci metto troppe cose sopra mi crolla addosso ho paura ahahahahah
      comunque ne hai messe nel blog foto fatte da te? Mi piacerebbe vederle! ❤

      Mi piace

      1. Quella del tramonto immaginavo fosse tua, infatti mi piace molto! Poi i tramonti sono sempre belli, soprattutto quando hanno quei colori…
        Bene comunque, allora aspetto il link! C:

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...